Hume Riassunto Gratis


Hume Riassunto

Un riassunto di Davide Hume che va da brevi cenni sulla vita e le opere alla sua concezione filosofica che parte dalla analisi delle idee per arrivare al rapporto dell’io col mondo esterno. La filosofia di Hume risolve tutta la realtà nelle impressioni sensibili e non ammette niente di trascendente. Oggetto di critiche da parte dei religiosi della sua epoca viene molto rivalutata dagli illuministi che ne apprezzavano la forza critica e antimetafisica.

Vita ed opere

Davide Hume nasce ad Edimburgo nel 1711 e muore nella stessa città natale nel 1776. Dopo aver studiato giurisprudenza si dedica agli studi filosofici e , grazie ad incarichi diplomatici, conosce molti esponenti dell’Illuminismo a Parigi ed in altre capitali europee, tra cui JJ:Rousseau.
La sua prima opera è il “Trattato sulla natura umana”, scritta nel 1739, cui seguono la “Storia naturale della religione”, “ la Storia dell’Inghilterra” e i “Dialoghi sulla religione naturale”.

La Conoscenza

Hume sostiene che la natura umana è l’unica scienza dell’uomo, formata da sentimento ed istinto. La conoscenza si basa esclusivamente sull’esperienza, al di là della quale vi sono solo conoscenze soggettive. La realtà è fatta dalle Idee Attuali cioè dalle impressioni sensibili.

Le idee

Le percezioni sensibili si dividono secondo Hume in Impressioni ed Idee.
Le prime sono forti e veritiere, le seconde sono solo ricordi delle prime.
Le idee astratte sono idee particolari derivanti dall’abitudine.
L'uomo, infatti, tende ad associare le impressioni per abitudine in base a tre principi: somiglianza, continuità e causalità, per cui  tende a costruire dei nessi, le idee, credendo erroneamente che siano fissati da un ordine superiore.

Il mondo esterno e Dio

La credenza di un mondo esterno è per Hume una necessità, un sentimento naturale dell’uomo, ma non è fondato sulla ragione. L’uomo può solo avere delle percezioni degli oggetti esterni che non determinano la reale esistenza degli oggetti.
La realtà esterna, come anche l'Io, è  solo un insieme di impressioni che noi associamo tra loro in base a rapporti di somiglianza e causalità, l’autocoscienza è dunque frutto della nostra immaginazione, è una verità probabile ma non assoluta. L’unica eccezione è data dalle scienze matematiche che si limitano a stabilire relazioni tra concetti in base al principio di non contraddizione e che non si riferiscono alla realtà.

Morale e religione

In base a tali premesse è chiaro che meno che mai esistono in tali ambiti verità universali. Le leggi morali per Hume sono una necessità affinchè gli uomini convivano, per cui saranno buone(virtù) quelle che contribuiscono al vivere comune, cattive(vizi) quelle che l’ostacolano. La religione è invece la conseguenza della naturale paura dell’uomo verso la natura che non è segno della presenza di un Dio, ma solo un susseguirsi di impressioni legate da un nesso di causalità .

Risorse gratis correlate in appunti di filosofia o anche in Riassunti gratis.


Cosa ne pensi di questa risorsa ?

0 voti +




Opinioni e commenti su Hume Riassunto



Gli amici di Gratis 360

News Giochi Risposte Video
    Loading